Caldo infernale in Europa, 3 morti in Francia e rischio crepe sulle strade in Germania

mercoledì 26 giugno - 21:38, di Salvatore Lia

Le autorità degli stati dell’Europa centro-occidentale stanno diramando allerte su allerte per avvisare i cittadini sull’ondata di caldo che sta per “soffocare” il continente. La temperatura ha già raggiunto +37°C a Roma e +32°C a Parigi, ma già +38°C nella Francia meridionale, con alti livelli di umidità che fanno percepire valori ancora più alti. Questa ondata di caldo estremo in Europa è determinata dalla risalita di aria calda dal Sahara e potrebbe portare i termometri a segnare temperature di oltre +40°C in SpagnaFrancia e Nord Italia.

L’ondata di caldo è collegata alla morte di 3 persone nelle spiagge della Francia, che secondo i media locali avrebbero perso la vita in incidenti separati. Un uomo di 70 anni è stato colpito da arresto cardiaco in acqua e si ritiene sia stato vittima di shock termico dopo essere entrato nell’acqua. Le altre due persone sono morte in circostanze simili. Una donna di 62 anni ha perso la vita in una spiaggia di Montpellier e un uomo di 75 anni in una spiaggia vicina. I vigili del fuoco francesi hanno avvisato le persone a non nuotare in acque troppo fredde durante le ondate di caldo e ad entrare in acqua gradualmente. Il governo francese ha anche rimandato alla prossima settimana gli esami delle scuole medie, scatenando le proteste di quanti credono che abbia agito in maniera eccessiva.

In Germania è stata raggiunta oggi la massima temperatura mai registrata nel Paese nel mese di giugno. Il record di +38,6°C è stato raggiunto alle 14.50 nella località di Coschen, al confine con la Polonia, ha reso noto il servizio meteo tedesco. Il precedente record risaliva al 1947, quando erano stati registrati +38,5°C il 27 e 28 giugno nella città occidentale di Buehlertal. A Berlino, le autorità hanno avvisato la possibilità di toccare i +40°C nei prossimi giorni e i gestori dello zoo della città hanno fatto docce rinfrescanti agli elefanti per sopportare il caldo, dato blocchi di ghiaccio ad un gruppo di suricati e fatto giocare gli oranghi con un idrante per un po’ di refrigerio. Altri animali, come orsi e lemuri, hanno ricevuto snack ghiacciati contenenti pezzi di frutta in vari zoo del continente. Fuori Berlino, sono già divampati degli incendi. In Germania, le autorità hanno abbassato i limiti di velocità a 100km/h sulle autostrade, solitamente non soggette a restrizioni, per paura che il caldo estremo possa provocare improvvise crepe nell’asfalto.